Sindrome MODAL

La sindrome MODAL (muscolo / occhi / cifre / dell’aorta / polmone) è il termine proposto di sottolineare che i tumori del polmone nei gatti affetti da sindrome felina polmone cifre (PFPS) non solo metastasi cifre. Anche se il PFPS è stata riconosciuta inizialmente come carcaterizada entità per adenocarcinomi broncogena dimostrando subclinico come digital tessuto metastasi, è ormai noto che alcuni animali sviluppano anche tromboembolia aortica (ASD), della colonna vertebrale causando dolore metastatico o mielopatia , metastasi e coinvolgimento muscolare oculare metastatico con o senza digitale. Restrospectiu In questo lavoro, casi attuali di PFPS autori includono presentazione classica insieme ad altri esempi criptici. Il PFPS deve essere sospettata nei pazienti con ASD Non gatti cardiogeno e / o lesioni digitali, e un esaustivo esame impresicindible la palpazione muscolare di tutte le cifre, uno studio radiologico del torace e un profilo biochimico (CK) scartare pistoni neoplastica nascosto nel tessuto muscolare.

Metastatic pulmonary carcinomas in cats (‘feline lung–digit syndrome’): further variations on a theme. JFMS Open Rep 3(1) 2017

Archivio

logo web journal

Osteocondrosi

Osteocondrosi è un disturbo di ossificazione endochondral nei cavalli e maiali è associata a necrosi ischemica della crescita della cartilagine. Quando la cartilagine necrotico frammenti osteocondrite dissecante risultati. Il chondronecrosis si verifica principalmente a causa di un difetto di ossificazione zona neovascolarizzazione o batteriemia. Altri fattori che possono essere coinvolti sono i traumi, malattie vascolari, difetti di nascita toxemia ed elastina. In questo articolo, gli autori in rassegna in una conoscenza comparativa su questa malattia nei cavalli, maiali, cani e gli esseri umani, in particolare sulle cause del disturbo vascolare che causa osteocondrosi.

An Update on the Pathogenesis of Osteochondrosis. Veterinary Pathology 2015 52(5)

Archivio

logo web journal

Prodotti alimentari tossici

Anticoagulante, erbicidi, glicole etilenico, alcaloidi, ecc … sono alcuni dei prodotti che vengono in mente in sospetto avvelenamento nei piccoli animali. Ma gli stereotipi sono tossici in quanto tale, che ha colpito gli animali spesso non hanno accesso. E viceversa, raramente ci rendiamo conto che alcuni dei prodotti che possono essere tossiche in cani e gatti sono così comuni e accessibili agli animali domestici come alcuni l’alimentazione umana. In questo articolo, gli autori descrivono quei cibi comuni a casa che può causare avvelenamento nei piccoli animali così come i loro principi attivi, i meccanismi di azione e dei sintomi associati.

Household Food items Toxic to Dogs and Cats. Frontiers in Veterinary Science. 2016 3, 26.

Archivio

logo web journal

The worm turns

Infezione da Schistosoma mansoni nel topo riduce la mortalità indotta Toxocari canis e previene le lesioni cerebrali associati con Plasmodium e, viceversa, promuove la replicazione di Leishmania e aumenta la suscettibilità alla tubercolosi. Tali interazioni sono difficili da capire nel quadro del metodo riduzionista della “postulati di Koch”, che è stato coniato per determinare quando un particolare organismo potrebbe essere ritenuta responsabile di uno stato di malattia. Il risultato di infezione con un dato organismo non sempre significa malattia. Oltre background genetico, l’incrocio di influenze agenzie coinfettati (dalla microflora simbiotico agli agenti patogeni virulenti) influenzano l’esito dell’infezione. E, grazie alla sua capacità di orchestrare immunoregolazione ospite e infezioni croniche, elminti forniscono esempi di potenziali co-infezioni nell’alterare la diagnosi, decorso e l’esito di processi di malattia. Questo articolo descrive come le infezioni da elminti inmunorregulan risposte infiammatorie e reazioni autoimmuni, e patogenicità come modulare, il decorso e l’esito dell’infezione in concomitanza con altri agenti patogeni.

The Worm Turns: Trematodes Steering the Course of Co-infections. Vet Pathol 2014 51:328-340

Archivio

logo web journal

 

 

 

Zooanthroponosis

Mentre la descrizione di patogeni emergenti originari animali che finiscono per rappresentare un rischio di zoonosi sono sempre più frequenti, non avviene solo nel caso opposto. Nonostante l’attuale aumento dei contatti tra gli uomini e gli animali (bestiame, animali domestici, l’invasione degli ecosistemi, degli habitat di sviluppo antropico, ecc) ci sono poche informazioni bibliografiche su animali da parte dell’uomo malattie trasmesse. Questo lavoro rappresenta una raccolta completa di tutte le descrizioni alla data effettiva dei processi batterici, virali e parassitarie che hanno portato a casi di zooanthroponosis.

Reverse Zoonotic Disease Transmission (Zooanthroponosis): A Systemic Review of Seldom-Documented Human Biological Threats to Animals. Plos One. 2014; 9(2):e89055

Archivio

logo web journal

Eosinofila enterite equine

Equine eosinofila enterite (EEE) è un disturbo digestivo rara di solito associata con una sindrome multisistemica epiteliotropico. Gli animali colpiti sviluppano diarrea, perdita di peso e ipoalbuminemia. Tradizionalmente è stato sospettato di una reazione di ipersensibilità origine parassitaria o un effetto paraneoplastic mediato da IL5. In uno studio retrospettivo in Inghilterra, gli autori descrivono una stagione (fine estate e in autunno) e una particolare concentrazione geografica dei casi potrebbe suggerire una sorta di fattore ambientale o la gestione responsabile della malattia. Contemporaneamente, lo studio rivela anche che i giovani animali hanno un rischio più elevato di AEE

Idiopathic Focal Eosinophilic Enteritis (IFEE), an Emerging Cause of Abdominal Pain in Horses: The Effect of Age, Time and Geographical Location on Risk. PloS One. 2014; 9(12):e112072

Archivio

logo web journal

Peritonite infettiva felina

Il coronavirus felino (FCoV) può essere presentato come due patotipi indistinguibili morfologica e sierologicamente: coronavirus felino enterica (FECV) ed il virus della peritonite infettiva felina (FIPV), quest’ultimo con una maggiore capacità di replicazione in monociti che FECV. La peritonite infettiva felina (FIP) è una delle malattia mortale più comune nella spezie felina e, anche se ci sono numerosi studi ed abbondante informazione, la sua patogenesi non è completamente risolta. Questo ampio studio di revisione descrive quali sono i modi possibili che hanno portato all’evoluzione di FECV per il patotipo FIPV, il ruolo dei gatti sani portatori di FECV, la capacità di trasmissione di entrambi virus, elementi che influenzano la comparsa di focolai, le diverse presentazioni cliniche, lesioni, immunopatogenesi, i fattori che influenzano la mortalità o la sopravvivenza alle infezioni e ai diversi metodi diagnostici.

Feline Infectious Peritonitis: Still an Enigma ? Kipar A, Meli ML. Vet Pathol 2014, 51 505-526

Archivio

logo web journal

Neoplasie contagiose

La capacità del sistema immunitario di distinguere elementi esogeni è uno dei fattori che impediscono lo sviluppo dei tumori trasmissibili. Tuttavia, ci sono due tumori che si sono contagiose e anche in modo natural: il tumore venereo trasmissibile nel cane (TVT) e la malattia di tumori facciale del demone di Tasmania (ETFD). Normalmente, le cellule effettrici del sistema immunitario o gli stessi antigeni generati per un tumore rallenterebbero la trasmissione di cellule neoplastiche. Ma sia attraverso mutazioni o generando tolleranza immunitaria, alcune neoplasie hanno sviluppato meccanismi per eludere la risposta del sistema immunitario. Questa recensione descrive questo processo nel caso di TVT e ETFD.

Immunology of naturally transmisible tumours. Siddle HV. Immunology. 2015. 114 (1): 11-20

Archivio

logo web journal

c-kit in mastocitome feline

La maggior parte dei mastocitome nella specie felina sono considerate neoplasie di bassa aggressività a differenza di quanto accade nei cani. Una percentuale variabile di queste lesioni, tuttavia, si comportano come tumori maligni que possono generate diffusione viscerale dele lesione cutanee fino al 22% dei casi. Ma tranne l’indice mitotico, non c’è consenso sui criteri per li riconoscimiento di questo sottogrupp di tumori più aggressivi.

Considerando il linkage in cani tra le mutazioni nei gene (c-Kit) che codifica il recettore tirosiona chinasi nei mastociti e l’aumento della proliferazione cellulare e ridotto della tassa di sopravivenza, è stato sollevato se l’identificazione di questa alterazione molecolare permettono migliore interpretazione dei mastocitomi nei gatti e riconoscere quei tumori più aggressivi. Come in cani, I gatti sviluppano anche le mutazioni di c-Kit. Tuttavia, mentre la distribuzione della proteina è legata al comportamento del tumore, l’alterazione del proto-oncogen non corrisponde come in cani con lo sviluppo della neoplasia o la prognosi. Questo articolo discute il rouolo più dubbioso que hanno le alterazioni di recettori c-Kit nei gatti.

Prognostic significance of Kit receptor tyrosine kinase dysregulations in feline cutaneous mast cell tumors. Sabattini S. Vet Pathol. 2013. 50(5):797-805

Archivio

logo web journal

Malattie nei elasmobranchi

La maggior parte siamo veterinari d’animali domestici ed alcuni animali esotici. Ma pochi consideriamo questi animali selvatici nella nostra condizione quando in realtà sono l’essenza del regno animale. Articoli come questo su squali e razze sono esempi che tentano di cambiare questo punto di vista e ricordare la nostra professione.

In questo lavoro gli autori esaminano i casi di malattia nel 1546 elasmobranchi in rappresentanza di 60 diverse specie di squali e razze.?Il risultato dello studio rivela che i processi infettivi e infiammatori, seguiti da disturbi cardiovascolari, nutrizionali, traumatiche e tossiche sono le malattie più comuni di elasmobranchi. Le infezioni batteriche di solito si manifestano come setticemia, dermatite, branchite ed enterite, e similmente infezioni fungine che anche causano epatite. Papilloma virus, herpesvirus ed adenovirus sono  i processi virali più comuni. Le parassitosi sono rappresentate da casi di nematosis, infezioni per ciliati, trematodi, coccidiosi, mixozoanosi, amebiasi, cestoidiasi e le infezioni per flagellate. Malattie infettive di eziologia sconosciuta includono casi di enterite, branchite, encefalite, dermatite e pancreatite. Infine, gli avvelenamenti più comuni sono i casi di “toxic gill disease“, embolia gassosa, e puntualmente associati con fenbendazolo, ammoniaca, cloro e cloramina. A seconda del processo, alcune specie sono sovrarappresentati.

A retrospective study of disease in elasmobranchs. Garner MM. Vet Pathol. 2013 50(3):377-389

Archivio

logo web journal